Rioma-Rimasto solo



Testo:
RIMASTO SOLO

Casco al suolo  sono rimasto solo lo so
non devi dirvi cosa devo fare fra
cambia approccio qua non fare lo stronzo ti vogliono già morto poi ti metteranno in regola prima di fare festa le fatiche per cui muoio
non è una troia affianco che fa di te un vero uomo
pago un lavoro povero per loro ma godo
no che non mi scordo che sono rimasto solo non è che sono strano e ho la sindrome di tourette
lo sono già di mio  c’ho donato più di te che gioco è della joure le rollo nella roulette fra hai visto com’è più grossa c’ho messo sopra l’UE questa è una messa in scena con canna da pesca a riva
stato che ti condanna se in testa hai la mescalina
homi solo un arancia meccanica può capire non tradire il proprio leader poi per me frate è la fine
prima ci metto il cazzo nei culi che lecchi dopo
piscio sopra a sti rapper per marchiare il territorio
sputa l’odio di un pazzo col passo ti senti solo se fumo vedo lo spazio con Armstrong ed Andy Warhol
verrò punito se non rimango pulito
per adesso non ci penso e preparo un altro purino l’appiccio senza il piumino nel giro di un quarto ora se gira ancora il mulino la moda è avere il rubino scrivo sulla mia lapide il tuo nome cupido volevo solo un copione le pagine di un libro
sento ancora queste voci forse c’ho più udito
non le voglio queste troie lei è dolce budino per fare festa le fatiche per cui muoio
non è una troia affianco che fa di te un vero uomo
pago un lavoro povero per loro ma godo
no che non mi scordo che sono rimasto solo
sbagli non dirmi di stare zitto
o di dormire perché tanto faccio dritto quindi me ne approfitto quando si farà più tardi  dammi tempo di finire sti due grammi convinto di non fare sconti con chi è sconfitto c’ho il vizio di 21 motivi come solstizio
firmo indoor con il gesso l’ospizio
in conflitto con me stesso Tom Riddle
devo cambiare scelta vivere così è una merda penso a star da solo ma è questo che mi danneggia
giro con gente diversa che manco si atteggia siamo una leggenda
scrivo in agenda di quanto mi state sul cazzo chi è pazzo l’ho apprezza
fumo canne weeda mescalina mangio carne viva sono sporco dentro mi riempio di candeggina
questa è la mia storia ed è solo la parte prima io ho messo le carte in riga tu acceso una candelina
capito  goditi la vita da bambino perché più si va in salita e diventa un vero casino io il mattino ciò già l’oro in bocca come se a loro importa che ogni giorno stare soli è la solita solfa voglio essere il primo
ma non ho la stoffa sai mi faccio schifo e non solo stavolta per fare festa le fatiche per cui muoio no che non mi scordo che sono rimasto solo
no

source

2 Replies to “Rioma-Rimasto solo”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *